martedì, 3 Agosto 2021

Musica, sport e interculturalità nel cartellone estivo di San Vito Lo Capo

E’ il dialogo interculturale il filo conduttore del cartellone delle manifestazioni estive di San Vito Lo Capo. Al tradizionale Cous Cous fest (in programma dal 20 al 29 settembre) e a una serie di manifestazioni culturali, come la rassegna “Libri, autori e bounganville” (giunta alla ventesima edizione ed in programma dall’8 luglio al 3 settembre), l’amministrazione comunale ha puntato su due eventi di richiamo internazionale: “Mondo Sounds festival (dal 28 al 30 giugno), con tre giorni di musica, spettacoli, concerti; e “Un Mediterraneo di Pace”, una grande tavola per unire i popoli attraverso il cibo, che si terrà il 1 settembre.

Il sindaco Giuseppe Peraino e l’assessore al Turismo Nino Ciulla, nel presentare il cartellone alla stampa, hanno sottolineato che la rinomata località turistica del trapanese, “è un porto aperto”, che punta allo “scambio culturale tra i popoli del Mediterraneo”.

“La nostra amministrazione – ha sottolineato il sindaco – ha investito quest’anno nel capitolo turismo, per la prima volta, la somma complessiva di quasi 410 mila euro destinandone una buona parte per la realizzazione sia di una serie di attività di intrattenimento per coloro che vengono in vacanza sia di promozione del nostro territorio in bassa stagione tramite degli eventi, legati principalmente agli sport outdoor (climbing,triathlon, beach soccer, beach volley), che fungano da attrattori turistici per dare attuazione ad un processo di destagionalizzazione che consenta di apprezzare il nostro territorio per diversi mesi all’anno e di valorizzare le peculiarità delle frazioni di Macari e Castelluzzo”.

“In un momento di contrazione dei flussi turistici – ha aggiunto Ciulla – l’idea è quella di creare degli eventi di qualità, anche per un pubblico più esigente e di nicchia. Senza tralasciare, ovviamente, il divertimento per le famiglie, i giovani e i bambini che, dopo tanti anni, potranno tornare a vedere il cinema sotto le stelle, nel giardino di Palazzo La Porta dove si svolgerà anche teatro e cabaret. Nella programmazione degli spettacoli è stato dato ampio spazio all’arte nelle sue svariate sfaccettature: la danza, la pittura, la scultura e la  musica, da quella classica al jazz, alla world music. C’è, inoltre, un nuovo modo di concepire la cultura e di portarla nel contesto urbano proponendo un intrattenimento itinerante”.

 

News Correlate