venerdì, 17 Settembre 2021

Gino Campanella e il rilancio vero del turismo scolastico

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Gino Campanella, amministratore unico della Conca D'Oro Viaggi srl e presidente della Fiavet della provincia di Palermo, in merito alla vicenda sollevata da Maria Luisa Altomonte, dirigente Ufficio Scolastico Regionale, che nei giorni scorsi aveva invitato i presidi delle scuole a non accettare viaggi e crociere gratis.
"Ritengo molto positivo l'intervento di Altomonte – scrive Campanella – forse l'unico nella storia degli interventi di dirigenti delle istituzioni, per migliorare l'attività delle strutture pubbliche, nel rispetto delle leggi. Ma stando al detto ‘chi non ha peccato scagli la prima pietra', affermo che negli anni passati ho organizzato educational per insegnanti, sempre, con un pagamento di quote ridotte, corrispondenti a quanto ci veniva addebitato da parte dei fornitori. Generalmente, la Tirrenia e le ditte pullman ci hanno offerto i loro servizi, gratuitamente, mentre hotel, ristoranti, etc, hanno offerto i loro servizi al 50% circa. Per questo motivo siamo riusciti ad organizzare 'viaggi educational' a costi molto bassi e mai completamente gratuiti.
Ciò l'abbiamo fatto, perché con la liberalizzazione delle licenze, la nascita di nuove agenzie come funghi, con licenze dell'assessorato, franchising, con succursali, etc., la partecipazione alle gare scolastiche è diventata sempre più numerosa. Allora abbiamo pensato che era opportuno far conoscere, al corpo docente, i servizi che noi diamo, nei nostri viaggi di istruzione, ai ragazzi, identici, in tutto, a quelli che noi offriamo negli educational organizzati per gli insegnanti.
Abbiamo voluto dimostrare e documentare i nostri servizi, lasciando libere le scuole di scegliere, secondo i criteri di qualità e di prezzo".
La lettera di Campanella si conclude con una serie di correttivi da apportare per migliorare i viaggi scolastici, come ad esempio, penalizzare le agenzie che non garantiscono i servizi promessi in fase di aggiudicazione di gara; depennare dall'albo fornitori le agenzie contestabili per scarsa capacità organizzativa, per scarsa assistenza, per disservizi e per false promesse; consegnare ad ogni agenzia che organizza un viaggio per una scuola, una "pagella" dove vengono segnati i giudizi sui servizi forniti; redigere, per la partecipazione alle gare, una scheda dove vengono descritte tutte le notizie relative alla licenza, alla posizione Inps del personale e del direttore tecnico, al fatturato realizzato nell' ultimo anno, ai giudizi sui viaggi, ai riconoscimenti etc.
"Potrebbe essere sufficiente un suo autorevole intervento – conclude Campanella nella lettera indirizzata a Altomonte – con una circolare che inviti i dirigenti scolastici a prevedere nei bandi una sezione riguardante qualità e professionalità dell'agenzia, per migliorare il turismo scolastico in Sicilia".

News Correlate