venerdì, 22 Gennaio 2021

Gli albergatori chiedono un centro congressuale-fieristico a Siracusa

“Nessun centro congressi a Siracusa. E’ questa una delle criticità con cui la città dovrà fare i conti a emergenza sanitaria conclusa”. A lanciare l’allarme Giuseppe Rosano, presidente di Noi albergatori Siracusa, il quale non ha dubbi: “Il rilancio del turismo a Siracusa passa anche e soprattutto da una pianificazione di spazi e contenitori idonei a ospitare manifestazioni ed eventi a carattere congressuale e fieristico. Eventi che potrebbero far riversare a Siracusa un gran numero di persone da ogni parte d’Italia e non solo. E’ per questo che, insieme con Carlo Castello, presidente delle guide turistiche, abbiamo fatto di tutto per portare in città il prossimo congresso mondiale Icep, Psicologi Ambiente. Ma una volta ottenuto il gran risultato, abbiamo dovuto fare i conti con un problema non indifferente, l’inesistenza di spazi e contenitori capaci di ospitare eventi di media e grandi dimensioni”. A causa del perdurare della pandemia, il congresso mondiale che vedrà a Siracusa i più quotati psicologi internazionali, è stato spostato da marzo a ottobre 2021.

“Perciò – aggiunge Giuseppe Rosano – abbiamo soltanto rinviato di qualche mese il problema. E a breve dovremo ricominciare la trafila per individuare non soltanto il contenitore per lo svolgimento dell’assemblea plenaria di 500 persone, ma anche e soprattutto spazi polivalenti per i lavori delle varie commissioni, unitamente a open space dove allestire stand espositivi. Mentre cade anche una delle poche speranze che avevamo: il Verga, unico contenitore cittadino pubblico in grado di ospitare sino a 800 persone circa. Ma questa struttura il pubblico l’ha messa in (s)vendita – è infatti di proprietà del Libero consorzio comunale – mentre nessun privato sembrerebbe interessato all’acquisto. Ancora una volta, e per l’ennesima volta, non ci resta che indignarci per le incompiute e lo sperpero del denaro dei contribuenti. E allora, tenuto conto che Siracusa vanta la presenza di diverse persone dalla comprovata esperienza e conoscenza nel settore convegnistico e fieristico perché – propone Giuseppe Rosano – non provare a prospettare soluzioni più sensate, come quella di “affidare” il Verga a chi ha ampia e consolidata competenza nell’organizzare e gestire grandi appuntamenti di questo genere?. Il turismo congressuale – conclude Giuseppe Rosano – oltre a determinare un’ulteriore attività turistica fuori stagione, contribuirebbe a destagionalizzare il turismo nella nostra città”.

News Correlate