Continua braccio di ferro per hub a Messina. Crocetta: non accetteremo blocchi

“L’aeroporto non sarà concorrenziale a Palermo e Catania, ma un hub internazionale. L’idea è creare un polo internazionale integrato e intermodale di comunicazione aerea, ferroviaria, marittima e viaria. L’operazione prevede 1 miliardo di dollari di investimenti e l’aeroporto può essere realizzato in un anno e mezzo dalla autorizzazione”.  Ad affermarlo Rosario Crocetta, presidente della Regione siciliana, parlando del progetto per la realizzazione dell’aeroporto a Pace del Mela (Me).

“Non abbiamo rilasciato autorizzazioni ma abbiamo manifestato l’intenzione di sostenere quest’iniziativa. L’area metropolitana di Messina è penalizzata dal punto di vista delle infrastrutture portuali. Il buon Riggio potrebbe dire che la zona produce poco, ma bisogna leggere il progetto  – ha aggiunto Crocetta, riferendosi alle frasi di Vito Riggio dell’Enac –  La prossima settimana avrà una idea di massima del progetto e dopo lo sottoporrò al ministero dei Trasporti. Mi rifiuto di pensare che di fronte a un miliardo di euro di investimenti privati, ci sia qualcuno a Roma che possa decidere di bloccarlo. Sarebbe un atto di ostilità e inimicizia nei confronti della Sicilia, che sicuramente non accetteremo”.

Intanto, l’imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra continua il suo tour nell’isola insieme a Maria Grazia Brandara, commissario straordinario dell’Irsap Sicilia e il vicepresidente della Regione siciliana, Mariella Lo Bello. Panchavaktra,  oggi in visita alla Valle dei Templi e ad Agrigento, è da diversi giorni in Sicilia per concludere degli incontri istituzionali finalizzati alla realizzazione dell’ hub intermodale di trasporti, passeggeri e merci, nella Piana del Mela, che sia base logistica di scambio transcontinentale con i paesi dell’Oriente, interamente finanziato da capitali privati della stessa holding indiana Panchavaktra Group.  

 

News Correlate