martedì, 20 Ottobre 2020

Falcone: burocrazia ministero blocca i treni tra Palermo e Trapani

“A un passo dal tempio di Segesta, abbiamo manifestato contro un’incredibile mortificazione che la burocrazia infligge, da quasi otto anni, alla provincia di Trapani e alla Sicilia intera. La ferrovia Trapani-Palermo via Milo è chiusa per frane dal 2013, costringendo i treni a fare un tragitto di oltre quattro ore per collegare i due capoluoghi. Da un anno esatto, inoltre, con Rfi aspettiamo un parere dal ministero dell’Ambiente. Senza questo atto non è possibile appaltare i lavori di ripristino della tratta, già finanziati con 144 milioni di euro”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, intervenuto calla manifestazione indetta dal governo Musumeci per il ripristino della tratta ferroviaria.

“Siamo partiti da questa realtà, recependo le legittime ma finora deluse aspettative del territorio, per festeggiare amaramente questo ‘compleanno’ dovuto alle lungaggini della burocrazia ministeriale – ha aggiunto – Al ministro Sergio Costa lanciamo un nuovo appello: si sblocchi entro pochi giorni l’atteso parere di non assoggettabilità. Superato questo ostacolo, potremmo mandare in gara l’opera già a gennaio e riaprire la ferrovia via Milo riammodernata nel 2023”.

News Correlate