giovedì, 24 Settembre 2020

Taormina, il Comune pensa di eliminare la Tarsu

L’ipotesi è conteggiare l’importo in base al peso e non sul metraggio

Il Comune di Taormina sta pensando di abbattere la Tarsu per le strutture alberghiere. Dopo la netta presa di posizione di Sebastiano De Luca, presidente Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo (vedi news "Taormina, albergatori contro la Tarsu" http://sicilia.travelnostop.com/NEWS_resultquery.php?t=Taormina, albergatori contro la Tarsu&idArticolo=78832, pubblicata su sicilia.travelnostop.com lunedì 30 agosto), l'assessore comunale all'Ecologia e all'Ambiente, Nunzio Corvaia, sta pensando a un nuovo sistema per conteggiare l'importo della tassa, ovvero non più in base alle dimensioni del locale ma sulla reale produzione di immondizia per evitare di penalizzare, ad esempio, gli hotel che non hanno il ristorante. "Intanto – spiega Corvaia – il Comune sta valutando un sistema di controllo tramite l'ente gestore del servizio di riscossione delle cartelle da cui potrebbe emergere un introito di oltre un milione di euro, che è appunto la cifra evasa fino ad oggi e che va immediatamente recuperata".

News Correlate