martedì, 26 Gennaio 2021

Turisti insoddisfatti di Palermo

Pochi info-point e gli addetti all’accoglienza non parlano le lingue: ecco le lamentele più diffuse

Mancano gli info-point, il personale addetto all'accoglienza turistica non parla le lingue e le strade sono sporche. Sono queste le principali lamentele dei turisti che stanno per lasciare Palermo dopo aver trascorso nel capoluogo qualche giorno di vacanza. Lo rivela l'Osservatorio della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti dedicato al settore, secondo cui restano insoddisfatti il 35% dei turisti stranieri.
"Complessivamente – osserva il presidente provinciale Salvatore Bivona – anche questa stagione turistica si è rivelata fallimentare, con un -10% rispetto al 2012, in rapporto alle legittime aspettative di chi si attende dal capoluogo siciliano standard ricettivi elevati: ancora una volta, Palermo si conferma una città in grado di ammaliare il visitatore grazie alle proprie  bellezze monumentali e paesaggistiche, ma altrettanto incapace di fidelizzarlo".
L'associazione di categoria sottolinea inoltre come "il trend negativo sia dovuto anche all'incapacità di trattenere il turista oltre la formula del mordi e fuggi con proposte di qualità sotto il profilo dei servizi erogati".

 

News Correlate