Franceschini in visita al Muse: modello da importare nel resto d’Italia

Dario Franceschini, ministro di Beni Culturali e Turismo, ha visitato per la prima volta il Muse, museo delle scienze di Trento. Una visita di oltre un’ora, accompagnato da Marco Andreatta e Michele Lanzinger, rispettivamente presidente e direttore del Muse. 

Lanzinger ha illustrato al ministro i contenuti scientifici e le curiosità dell’esposizione, così come l’attività scientifica, con una tappa anche al palazzo delle Albere, insieme agli assessori alla cultura della Provincia autonoma di Trento, Tiziano Mellarini, e del Comune, Andrea Robol.

“Provo ammirazione e invidia per il Muse. Ammirazione perché qui davvero è stato fatto un lavoro straordinario, ma anche un po’ di invidia perché si capisce invece quante potenzialità rimangano inespresse nel sistema museale italiano. Abbiamo investito molto in tutela e poco in valorizzazione – ha detto il ministro – Il Muse dimostra che si può, partendo da una collezione storica importante, investire in ricerca, in innovazione, in tecnologia con convinzione, proiettandosi nel futuro. È davvero una sfida vinta, l’esempio del Muse lo dovremmo importare anche nel resto d’Italia”. 

News Correlate