mercoledì, 7 Dicembre 2022

Federalberghi Garda Veneto, a settembre occupazione a 82%

“Il nostro Osservatorio ci riporta un Settembre nelle aspettative   e ottobre si apre con buoni auspici, seguendo l’onda delle attività ancora aperte e gli eventi in corso sul territorio, con ricadute che si prospettano positive almeno fino a metà mese”. Ad affermarlo Ivan De Beni, presidente di Federalberghi Garda Veneto in merito ai dati elaborati da H-Benchmark per il mese di settembre 2022, con focus sulla 91^ Festa dell’Uva e del Vino di Bardolino.
I dati relativi al mese di settembre e basati su un campione di 64 strutture ricettive sparse su tutta la sponda
del Garda Veneto, confermano.
OCCUPAZIONE GENERALE: per il mese di settembre 2022 abbiamo registrato una buona occupazione e un ribasso di 3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2021. Comunque un’occupazione complessiva pari all’82%, con picchi nei fine settimana, con valori oltre il 90%.
NAZIONALITÀ: anche per il mese di settembre sono i tedeschi a rappresentare la presenza maggioritaria, seppur con una diminuzione del 10% di occupazione rispetto allo stesso periodo del 2021. Valore tuttavia ampiamente compensato dal turismo anglosassone. Gli inglesi consolidano l’11% del mercato turistico del Garda Veneto. Stabile il mercato interno e le altre nazionalità Ue ed extra UE.
PERNOTTAMENTO MEDIO: per settembre 2022 si conferma di poco superiore alle 6 notti, per diminuire verso fine mese. Tuttavia questa rappresenta una curva di discesa naturale sia per il periodo in oggetto che per dinamiche di soggiorno.
PREZZO MEDIO PER CAMERA: si sottolinea un ricavo medio generale per camera a notte in linea con il medesimo periodo del 2021, visibile con un leggero incremento (+2,5 €) a partire dalla seconda metà di settembre. Tuttavia un ricavo medio generato per camera inferiore di 3,5 € rispetto al 2021.

FOCUS FESTA DELL’UVA
OCCUPAZIONE: cresce in modo considerevole passando dall’83% al 95%, nei giorni che vanno dal 29 settembre al 1° ottobre, per ritornare a quota 67% a partire dal 3 ottobre.
La Festa dell’Uva genera un +7% medio di volume complessivo delle prenotazioni a partire dal 1° settembre, quindi si nota un incremento generale delle richieste già a un mese dall’evento e una crescita del prezzo di vendita delle camere pari a 10,4 € sui giorni di Festa.
BOLLETTINO REVENUE SETTEMBRE 2022 – by EvoluzioneHotel
Il prezzo medio di vendita delle camere (ADR), nel mese ha seguito un andamento piuttosto lineare e per la destinazione pari a € 143,70 ovvero soli € 2,40 al di sopra i valori del settembre 2021.
L’indice di performance RevPar (ricavo medio generale), si attesta a € 118,40, perdendo però € 3,50 rispetto ai valori del 2021.
La previsione per il mese di ottobre è ancora in fase di consolidamento. Per il momento e in confronto con l’anno precedente, la tariffa media risulta superiore di € 5,5 tuttavia, da rivalutare per meteo e last minute. Dobbiamo considerare comunque che non sarà facile uguagliare i numeri di ottobre 2021 visto la stagionalità ridotta e le condizioni metereologiche particolarmente favorevoli dell’anno scorso.

 

News Correlate