mercoledì, 12 Maggio 2021

Basilica San Marco, al via prenotazioni a pagamento e ingressi contingentati

Ingressi contingentati e prenotazioni per evitare le code all’interno della Basilica di San Marco. Sono le novità che partiranno la prossima primavera a Venezia. La Basilica, in realtà, nei periodi di alta stagione aveva già istituto l’apertura a pagamento salta-coda. Ma sino ad oggi 2 turisti su 3, a conti fatti, non dovevano mettere mano al portafoglio per varcarne la soglia.

“Da marzo-aprile – annuncia Pierpaolo Campostrini, procuratore di San Marco – la regola cambierà radicalmente. Il progetto prevede che la visita alla Basilica avvenga secondo due le modalità. Si potrà prenotare a pagamento l’ingresso e scegliere online l’orario desiderato. Oppure, il giorno stesso, procurarsi un numero (fino ad esaurimento) per l’accesso dalla macchinetta che sarà posta all’esterno della Basilica. Solo nel secondo caso la visita sarà gratuita, senza possibilità peraltro di garantirsi la fascia oraria d’ingresso preferita. Con il rischio, soprattutto in alta stagione, che l’accesso possa essere negato sopra la ‘soglia’ di turisti programmata”.
Campostrini sottolinea che la prenotazione a pagamento, sia per gli individuali che per i gruppi, consentirà ai visitatori di ammirare anche alcune opere d’arte del luogo sacro (come la Pala d’oro) già fruibili solo con un biglietto.
“Eviteremo il passaggio di soldi all’interno della Basilica, come avviene ora – spiega – perché tutto sarà acquistato online”. Gli ingressi serviranno soprattutto a pagare i costosi restauri a cui la Basilica deve essere sottoposta dopo i danni provocati dall’acqua alta di 187 cm del 12 novembre. La stima fatta dopo i giorni dell’alta marea eccezionale parla di 3 milioni di euro indispensabili per riparare quanto andato distrutto soprattutto nella cripta e nell’ingresso, oltre all’intera pavimentazione a mosaico e le colonne dell’edificio.

News Correlate