Matera 2019, quadruplicare numero turisti in 4 anni

Quadruplicare in quattro anni le presenze turistiche a Matera, ora attestate a quota 220 mila all’anno. E’ questo uno degli obiettivi principali del progetto per Matera 2019, quando la città lucana sarà capitale europea della cultura. Una vittoria che ha avuto ed ha ancora il sapore del “riscatto”: alcuni decenni fa Matera fece parlare di “vergogna” per le orribili condizioni di vita nei Sassi, dove le condizioni di vita erano difficilissime. Poi nel 1993 gli antichi rioni Sassi divennero Patrimonio dell’Umanità.

E ora? Il sindaco di Matera, Salvatore Adduce ha le idee chiare: “Gli investimenti diretti saranno pari a circa 60 milioni di euro. Il primo obiettivo è attrarre gli innovatori, i giovani innovatori, dall’Italia e dal mondo, fermando l’emorragia di giovani lucani. Uno studio ci ha detto che per ogni euro investito in cultura ne tornano otto: siamo su questa strada”. 

Dal punto di vista delle infrastrutture materiali – in una città non collegata alla rete delle Fs –  il sindaco ha detto che “occorre subito migliorare il rapporto con l’aeroporto di Bari, che è a 40 minuti dalla città ed è una struttura all’avanguardia. Solo così, fino al 2019, potremo quadruplicare le attuali 220 mila presenze turistiche annuali. E aumentare anche i 71 mila visitatori nei nostri musei, puntando su quello demoetnoantropologico, a cielo aperto, proprio nei Sassi, mostrando direttamente e con l’ausilio delle nuove tecnologie come si viveva in quegli antichi rioni in passato”. Un aiuto notevole verrà a Matera ancora una volta dal cinema: 50 anni dopo il “Vangelo secondo Matteo” di Piero Paolo Pasolini, i Sassi ospiteranno nei primi mesi del 2015 il remake di “Ben Hur”: la ricaduta in termini di notorietà per Matera, i Sassi, l’altopiano murgico saranno di nuovo eccezionali, in tutto il mondo.   

News Correlate