mercoledì, 23 Giugno 2021

Potenza presenta il suo Piano triennale per ambiente e turismo

Potenza sarà la ‘porta dell’Appennino meridionale’, la città del verde e dei parchi, della vita ‘slow’, delle strutture ricettive e non solo dei servizi, come una sorta di ‘hub’ per permettere ai visitatori di scoprire le meraviglie della Basilicata. È il cuore del ‘Piano triennale 2021-2023 dell’ambiente e del turismo’ realizzato dall’amministrazione comunale del capoluogo lucano presentato in una conferenza stampa.
Il 30% del territorio della Basilicata è di “rilevante pregio naturalistico e in questo senso Potenza, oltre a essere caratterizzata da un’elevatissima superficie di verde procapite, è anche il crocevia di un sistema naturalistico molto rilevante”, riporta il Piano che vede al suo interno anche aspetti architettonici e storici della città, dalle sue “cento scale” per raggiungere il centro storico, al cartellone artistico del ‘Maggio potentino’ e della ‘Parata dei turchi’, fino ai percorsi pedonali, ciclistici e naturali, come il Parco del Basento.
“Potenza si candida a essere la porta di accesso dell’Appennino meridionale – ha detto il sindaco Mario Guarente  – e il punto dal quale muoversi per raggiungere territori ricchi di storia e di natura: è un Piano ambizioso che guarda a un turismo a 360 gradi, nazionale e internazionale. Si guarda alla valorizzazione del patrimonio storico e ambientale, e in questo momento particolare di pandemia, quello ‘verde’ è un turismo molto ricercato”.
Per l’assessore comunale al turismo, Alessandro Galella, il futuro di Potenza è legato “alla natura, come risorsa fondamentale, anche per la qualità della vita: puntiamo quindi ad assicurare questo aspetto, accanto ai servizi, per diventare attrattivi, anche con costi di ricezione molto bassi, e una porta della Basilicata”.

News Correlate