lunedì, 15 Luglio 2024

I Parchi della Calabria sono scrigno di biodiversità da tutelare

Pur rappresentando solo lo 0,003% del territorio europeo la Calabria esprime ben il 30% degli habitat e delle specie da tutelare indicate nella Direttiva Habitat della CEE del 1992. Si tratta di uno scrigno di biodiversità unico che deriva dalla variabilità morfologica, geopedologica, climatica ed altimetrica che ne caratterizza il territorio. Un patrimonio che è stato posto al centro della strategia regionale per la biodiversità che si sviluppa su due obiettivi fondamentali: il primo riguarda gli interventi di tutela e di conservazione, mentre il secondo è orientato alla fruizione turistica dell’immenso capitale naturale della Calabria, fra montagna e mare. Una strategia che ha trovato concreta attuazione con l’attivazione di specifiche linee d’intervento del Programma Operativo regionale 2014-2020, che prosegue nel sessennio in corso.

Questa attività ha in pochi anni consentito di accrescere considerevolmente l’appeal della Calabria interna, quella della dorsale appenninica, e di attrarre nuovi flussi turistici richiamati tanto dal paesaggio naturale preservato quanto dalla conoscenza di culture e tradizioni autentiche, altrove introvabili.

Una unicità che si esprime nelle produzioni tipiche, nell’enogastronomia, nel proverbiale senso di ospitalità dei calabresi più volte evocato con piacere dai turisti che, preferibilmente, a piedi o in bicicletta, scoprono un’altra Calabria in cui vivere in pace il respiro autentico della natura.

Dal Parco nazionale del Pollino, a nord, l’immensa area protetta in cui si ergono i millenari pini loricati, al Parco nazionale della Sila, dove si respira l’aria più pulita d’Europa, il viaggio nella Calabria interna offre paesaggi multiformi che mutano nuovamente scendendo più a Sud verso il Parco naturale regionale delle Serre e poi, infine, immergendosi nei sentieri fascinosi della “montagna di luce”, l’Aspromonte, il massiccio che arriva fin quasi a lambire il mare dello Stretto.

La Rete dei Parchi della Calabria si adopera per valorizzare al meglio questo immenso patrimonio naturale e culturale, per accogliere un turismo responsabile e per favorire lo sviluppo sostenibile del territorio, affinché tanta bellezza possa essere preservata per sempre, proprio qui, in Calabria, nel cuore del Mediterraneo.

News Correlate