Advunite: azioni di forza se il governo non ci ascolta

Advunite si associa alle 4 associazioni nazionali (Astoi, Assoviaggi, Aidit, Fto) che hanno chiesto lo stato di crisi per il turismo. “È stato bloccato il flusso dei viaggi scolastici – ha detto Cesare Foà, presidente Advunite/ Aidit Campania Federturismo – con indicazioni poco chiare. È stato bloccato l’incoming in entrata quindi anche i noleggiatori, le guide e i ristoranti. Insomma una crisi che colpisce l’unica industria che in Italia trainava ancora. I musei e gli scavi statali chiudono per il pericolo e lo Stato non rimborsa i biglietti. Trenitalia, partecipata dallo Stato, non rimborsa i biglietti ma da buoni e noi adv dovremmo rimborsare i viaggi, già pagati, ai nostri clienti. Assurdo solo a pensarlo, e qui si apriranno contenziosi molto antipatici e lunghi. Lo stato in cui ci troviamo, tutti noi del turismo, comportera il licenziamento dei nostri dipendenti e la chiusura di molte aziende. Il Governo è assente, la Regione non ci ascolta mai a questo punto dovremo ritenere utile compiere azioni di forza che inizieranno da una confwrestampa convocata le prossima settimana per supportare questo comunicato ma con date e azioni concrete. Non abbiamo bisogno di elemosina ma di sopravvivere con le nostre aziende: lo Stato è il nostro socio occulto al 57% e non ci viene incontro”.

News Correlate