sabato, 31 Ottobre 2020

Una mostra sulla via Appia frutto della riscoperta di un antico percorso

“L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” è il titolo della mostra in corso al Museo Archeologico di Santa Maria Capua Vetere, dove resterà fruibile fino al 25 marzo 2017. Si tratta di un percorso di riscoperta effettuato dal giornalista-scrittore Paolo Rumiz e dai suoi tre compagni di viaggio: Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon, che hanno attraversato a piedi nell’estate 2015 il tracciato originario dell’Appia Antica realizzando fotografie, documenti, racconti e anche un film.

“Quando siamo stati qui – ha raccontato Rumiz – abbiamo sentito un’energia civica molto interessante sia da parte di chi era contrario che favorevole alla mostra. Parlare della Via Appia oggi, restituirla al Paese e proporla come grande cammino europeo al livello di quello di Santiago è un atto politico, nel senso più nobile del termine, perché riporta l’attenzione del Paese su terre che ai tempi di Roma erano il baricentro del Mediterraneo ed oggi sono uscite dall’immaginario collettivo. E significa inoltre dire agli abitanti di questi territori che sono appartenuti ad una grande epopea, ad un grande episodio narrativo”. Per Antimo Cesaro, Sottosegretario al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo: “questa mostra rappresenta per il Ministero una buon prassi che stimola un incoming intelligente. Abbiamo bisogno – ha proseguito Cesaro – di attrarre un turismo diversificato che guardi le grandi città ma anche l’arte del nostro entroterra. Questi territori possono e devono vivere”. 

News Correlate