lunedì, 28 Settembre 2020

Sulle spiagge salernitane al via la raccolta differenziata

La provincia aderisce alla campagna di Legambiente e Conai

Sulle spiagge salernitane cresce un'idea ambientalista. Provincia di Salerno, Legambiente Campania e Conai, Consorzio per il Recupero degli imballaggi, lanciano infatti la quinta edizione di RiciclaEstate, la campagna estiva della raccolta differenziata sulle spiagge.
Il progetto, cofinanziato dall'assessorato provinciale all'Ambiente, coinvolge le località turistiche della costiera cilentana e amalfitana: Agropoli, Amalfi, Ascea, Atrani, Battipaglia, Marina di Camerota, Capaccio-Paestum, Casal Velino, Castellabate, Centola, Cetara, Conca dei Marini, Eboli, Furore, Maiori, Minori, Montecorice, Pollica, Pioppi, Acciaroli, Pisciotta, Pontecagnano Faiano, Positano, Praiano, Ravello, Salerno, San Giovanni a Piro, San Mauro Cilento, Santa Marina (Policastro), Sapri, Vibonati e Vietri Sul Mare. Presso gli stabilimenti balneari e sui lungomare appositi bidoncini consentono a cittadini e turisti di depositare, in modo differenziato, i rifiuti, permettendo così ai consorzi che garantiscono il riciclo, di trasformare quello che prima era solo un rifiuto, in una risorsa preziosa. Le operazioni di raccolta sono garantite dai singoli comuni che utilizzano attrezzature e personale già presente nei servizi comunali.
"L'amministrazione – dichiara l'assessore provinciale all'Ambiente Giovanni Romano – è fortemente impegnata sul fronte della raccolta differenziata e sul riciclo. Da qui la partecipazione e il cofinanziamento al progetto di Legambiente "RiciclaEstate 2010", attraverso il quale stiamo sensibilizzando anche in vacanza la popolazione sulla raccolta differenziata e cercando di educare i più giovani al rispetto dell'ambiente".
Il progetto, attivo fino a settembre, prevede la campagna "l'ultima spiaggia". Cittadini e turisti possono segnalare in prima persona le illegalità che mettono a rischio il patrocinio costiero, inviando una e-mail a riciclaestate@legambiente.campania.it o chiamando il numero verde dei Carabinieri tutela ambiente 800.253.608. 

 

News Correlate