mercoledì, 22 Maggio 2024

A Modena arriva tassa soggiorno, Federalberghi: ora è inopportuna

Visto il momento di emergenza dovuto al sisma, sarebbe auspicabile fare slittare la sua introduzione

Dall’1 luglio gli albergatori di Modena dovranno far pagare alla clientela la tassa di soggiorno. La tassa oscillerà dai 50 centesimi delle strutture ad 1 stella ai 4 euro per quelle a 5 stelle, ma risulta sui generis la lista delle esenzioni per le quali si va dai minori di 12 anni ai ‘soggetti che assistono degenti ricoverati in strutture sanitarie in ragione di 1 accompagnatore per paziente’, dai soggetti che prestano servizio di volontariato a quelli che soggiornano ‘causa eventi e calamità naturali’, per una plateale invasione della privacy che espone l’albergatore a rischi legali ed il cliente ad un obbligo di autodichiarazione al di fuori di ogni regola.
“Oltre all’evidente inopportunità di applicare l’imposta proprio in questo momento così difficile per la popolazione e l’economia emiliana, il caso appare come l’ennesimo controsenso di una tassa creata a livello nazionale senza una logica precisa, che mostra l‘incapacità della politica di capire le priorità sociali – spiega Federalberghi Modena – L’appello che rivolgiamo al mondo politico e governativo nazionale e modenese è per una scelta di razionale buon senso e di opportuno slittamento di quanto stabilito in una fase sicuramente non di emergenza come l’attuale”.

News Correlate