mercoledì, 19 febbraio 2020

Patto per lo sviluppo tra Emilia Romagna e Marche

La zona interessata dall’accordo è la Valmarecchia

Emilia-Romagna e Marche collaboreranno per lo sviluppo della Valmarecchia. L’accordo, stipulato tra i presidenti delle due regioni, costituisce la positiva risposta alle istanze legittime delle popolazioni, interessate a trovare sempre più adeguate risposte alle esigenze di un territorio complesso. Le due regioni indicano, inoltre, come prioritari alcuni interventi nel settori delle infrastrutture, della tutela ambientale, della valorizzazione delle risorse turistiche e culturali. In primo piano gli interventi sulla statale 258 Marecchiese, la progettazione di un possibile collegamento stradale tra l’Alta Valmarecchia (Sant’Agata Feltria) e la Valle del Savio, interventi sulla provinciale 58 (Tavullia) per facilitare i collegamenti con il casello autostradale di Cattolica, la realizzazione di un parco fluviale interregionale del Marecchia, progetti dell’Ape (Appennino Parco d’Europa). Le Regioni Emilia-Romagna e Marche si impegnano, inoltre, a promuovere forme di collaborazione permanenti, anche con accordi specifici tra le amministrazioni interessate. Viene, infine istituita una Commissione interregionale di coordinamento, alla quale partecipano rappresentanti delle due Regioni, delle due Province (Rimini, Pesaro e Urbino) e i presidenti delle Comunità montane del Marecchia. Il Coordinamento sarà svolto con il criterio della rotazione tra le due Regioni.

News Correlate