giovedì, 24 Settembre 2020

Ad Aquileia in mostra i tesori del Museo del Bardo di Tunisi

La testa dell’imperatore Lucio Vero, capolavoro della scultura romana del II secolo d.C. ritrovata al teatro di Dougga (Thugga), la statua di Giove con il corno dell’abbondanza da Oued R’mel, i mosaici coloratissimi da Uthina e Gightis, con la Dea Cerere e i Lottatori in presa sono alcuni dei tesori che la mostra ‘Il Bardo ad Aquileia’, dal 6 dicembre al 31 gennaio, porterà per la prima volta al Museo archeologico nazionale della città friulana. 

L’arrivo delle opere segna e la prima tappa del progetto ‘Archeologia ferita’, che la Fondazione Aquileia con la Soprintendenza Archeologia e il Polo Museaele del Friuli Venezia Giulia vorrebbe alimentare a cadenza semestrale, con altre esposizioni di reperti da siti colpiti dal terrorismo fondamentalista.   

“L’idea di questa mostra – racconta Antonio Zanardi Landi, presidente Fondazione Aquileia – nacque quando accompagnai il presidente Mattarella in una visita a Tunisi che voleva significare la vicinanza italiana al popolo e al governo tunisino in un momento molto complicato. Il Bardo è il più importante museo dell’Africa settentrionale, dopo quello del Cairo, e le sue opere dimostrano come il Mediterraneo duemila anni fosse luogo di convivenza e scambio reciproco”.

“Questa mostra offre la possibilità di raccontare la nostra Storia e il nostro presente – spiega Debora Serracchiani, presidente della regione – Sono convinta che la risposta migliore a quello che sta accadendo non siano solo soluzioni militari, ma anche e soprattutto la via culturale. Dobbiamo approfondire la conoscenza reciproca, ovviamente nel rispetto delle diversità che ci tengono insieme. Gli europei dovrebbero ricordarlo di più”.    

La mostra, costata 100 mila euro, porterà  ad Aquileia uno spaccato dell’arte e dell’alto artigianato delle province africane in età romana tra il I e il III secolo d.C., tenendo viva l’attenzione anche sul tema della distruzione di monumenti di eccezionale valore. Tra le opere, anche due esempi nella terra sigillata africana, con una Brocca e una Bottiglia da El Aouja, del tipico color rosso-arancio e  la Stele di Marco Lucio Fidelis, cavaliere della Legione Augusta.

“Ci sono mostre – commenta Dario Franceschini, ministro dei Beni Culturali e del Turismo – importanti per il valore scientifico dell’operazione e delle opere. E altre che lo sono per il messaggio che trasmettono. Oggi – dice – la vera sfida è dimostrare che il Mediterraneo unisce e non divide”. 

News Correlate