TESTMSL

Rieti, Franceschini inaugura laboratorio restauro per opere salvate ad Amatrice e Accumoli

“Questo è un esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato, che si può esportare anche in altre città”. Ad affermarlo Dario Franceschini, ministro di Beni Culturali e Turismo, inaugurando a Rieti il ‘Varrone Lab’, laboratorio di restauro delle opere d’arte scampate al sisma del 2016 di Amatrice e Accumoli, promosso dalla Fondazione Varrone insieme alle tre Soprintendenze attive nel cratere.

“Conosco il valore affettivo che lega le comunità alle proprie opere d’arte – ha aggiunto il ministro – ricordo l’apprensione dei sindaci, all’indomani del terremoto, nel vedere le opere portate nei depositi. Questo laboratorio di restauro, la mostra che seguirà spero che accelerino i tempi di restituzione”.
Le opere oggetto di restauro sono 45 e dai mesi successivi al sisma erano custodite nel deposito interno alla Scuola Carabinieri Forestali di Cittaducale (Rieti). Si tratta di dipinti ad olio, a tempera su tela, statue e sculture in legno dorato, cera e tessuto che presentano diverse condizioni di conservazione. Alcune opere, in seguito al terremoto, hanno subito strappi e lacerazioni, e hanno dunque bisogno di interventi particolarmente incisivi. Per altre, che presentano un buono stato di conservazione, si procederà con operazioni di manutenzione e ripulitura.

News Correlate