mercoledì, 8 Luglio 2020

Richiesta di tassametro fa infuriare tassista, cliente picchiato a Fiumicino

É stata la richiesta di l’applicazione del tassametro per la corsa dallo scalo di Fiumicino alla Capitale a var scattare l’ira di un tassista nei confronti di un italiano appena sbarcato a Roma da Madrid. L’uomo ha sferrato un pugno in pieno volto al malcapitato passeggero causandogli la frattura del setto nasale.

Il tassista, denunciato per lesioni per futili motivi, è stato individuato nel giro di poco tempo dagli investigatori dalla Polizia giudiziaria della Polizia di frontiera aerea di Fiumicino, grazie anche al servizio di videosorveglianza implementato dalla società di gestione, Aeroporti di Roma. Oltre ad avere subito avviato le indagini, gli agenti si sono avvalsi anche delle immagini riprese dalle telecamere posizionate nell’area esterna Arrivi del terminal 3. La scena è avvenuta di fronte ad altri tassisti e addetti volontari del ‘Taxi Service’ che si occupano di assistere i passeggeri che richiedono il servizio di taxi e dalle altre persone.

“In relazione all’aggressione di un passeggero da parte di un tassista avvenuta presso lo scalo di Fiumicino, AdR è fortemente turbata ed esprime piena solidarietà e vicinanza al passeggero vittima di questo incredibile e ingiustificato episodio, che nulla ha a che vedere con il comportamento delle diverse migliaia di tassisti che ogni giorno a Roma e in aeroporto svolgono il proprio lavoro in modo corretto e nel rispetto delle regole”. Ha fatto sapere la società di gestione dello scalo che sta valutando “ogni iniziativa sul piano legale e condivide l’annuncio della sindaca di Roma, Virginia Raggi, di voler procedere al ritiro della licenza del tassista”.

News Correlate