domenica, 19 Maggio 2024

Rocca inaugura il Palacongressi a Fiuggi da 1800 posti

“Questa nuova struttura congressuale è un passo concreto per far tornare Fiuggi, così come tutta la provincia di Frosinone, in Serie A”. Ad affermarlo il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca intervenendo all’inaugurazione del nuovo Palacongressi di Fiuggi, la struttura che con i suoi 1800 posti e 2200 mq coperti è la più grande nel suo genere in provincia di Frosinone.
Il presidente ha posto l’accento sui tempi che sono stati necessari per la realizzazione: l’iter era partito cinquant’anni
fa. “Dalla pianificazione alla realizzazione non devono passare più così tanti anni per le opere nel Lazio. Questo è
inaccettabile”, ha detto Francesco Rocca.
Il Palacongressi riposiziona Fiuggi nella sua tradizione di città congressuale: molti dei congressi di partito nella prima Repubblica si tenevano nella città termale, qui era di casa la componente andreottiana della Dc, ci fu la svolta del Msi che diventò forza di governo, c’era l’annuale convention dell’area Tajani. Un’economia che era stata persa con il passare degli anni.
“Questo territorio – ha detto in proposito Rocca – deve tornare a splendere ed essere meta di quel turismo termale e congressuale che gli sono propri. Dobbiamo guardare al prossimo Giubileo che sarà un traino per tutte le province. Le sfide sono enormi e le affronteremo con passione per fare la differenza”.
“Contento che finalmente si sia aperto il Palazzo dei Congressi di Fiuggi. Porterà lavoro e turismo. In questi anni ci
abbiamo messo risorse e tutto l’impegno possibile perché si arrivasse a questo punto”, ha detto l’ex governatore del Lazio e ora  deputato del Pd Nicola Zingaretti.
La consigliera regionale Sara Battisti (Pd) si è detta colpita che “un presidente di Regione da poco eletto si sia
dimenticato di ringraziare il suo predecessore mentre inaugura un’opera interamente finanziata dalla Regione Lazio. Non è tollerabile cancellare gli ultimi 9 anni di storia per fini
meramente elettorali”.

News Correlate