giovedì, 23 gennaio 2020

A gonfie vele il turismo nel lecchese

Rispetto al 2006 gli arrivi hanno avuto un incremento del 6,93%

Secondo i dati diffusi dall’Amministrazione provinciale nei primi otto mesi di quest’anno sulla sponda lecchese del lago di Como, il turismo va a gonfie vele: gli arrivi hanno superato la soglia dei 120mila con un incremento, rispetto allo stesso periodo del 2006 del 6,93%. Nell’estate scorsa, si è registrata una decisa impennata di arrivi e presenze non solo rispetto all’estate precedente ma anche alla primavera di quest’anno. Nel 2006 si erano contati complessivamente 114.542 arrivi per 349.322 presenze, quest’anno 122.481 (+7.929) arrivi con 400.165 presenze (+14,55%). Gli italiani sono stati 70.145 per un totale di 260.004 presenze contro i 65.808 arrivi per complessive 21.930 presenze dei primi otto mesi dello scorso anno. Un aumento di 4337 arrivi e 40.664 presenze, che tradotti in percentuale significano 6,59% di crescita negli arrivi e 18.54% nelle presenze. Per quanto concerne gli stranieri nel 2006 gli arrivi erano stati 48.734 e le presenze 129.982, quest’anno 52.336 (+7,39%) e 140.161 (+7,83%).

News Correlate