4 aeroporti brasiliani venduti all’asta a imprese di Germania e Francia

Passano in mano straniere quattro aeroporti brasiliani messi all’asta dal governo di Michel Temer. Gli scali in questione sono quelli di Fortaleza, Porto Alegre, Salvador e Florianopolis. I primi due sono andati alla tedesca Fraport, per un totale di 715,5 milioni di reais (circa 210 milioni di euro). Salvador è stata invece appannaggio della francese Vinci, per 660,9 milioni di reais (oltre 193 milioni di euro), mentre Florianopolis della svizzera Zurich per 83 milioni di reais (poco più di 24 milioni di euro).

La privatizzazione degli aeroporti faceva parte di un pacchetto anti-crisi da 190 miliardi di reais (55 miliardi di euro) in infrastrutture, lanciato nel 2015 durante l’esecutivo di Dilma Rousseff per frenare la recessione in corso nel paese.

Per Temer, l’asta degli aeroporti di Fortaleza, Porto Alegre, Salvador e Florianopolis è stata un “successo” che mostra come il Brasile abbia “riconquistato la credibilità sullo scenario internazionale”. Il governo di Brasilia si aspettava di ottenere almeno 3 miliardi di reais dalle concessioni, ma secondo i calcoli degli analisti gli investimenti da parte delle imprese vincitrici sono stimati in 6,6 miliardi di reais.

 

News Correlate