mercoledì, 21 Aprile 2021

Agriturismi puntano all’e-commerce dopo la delusione di Pasqua

Gli agriturismi puntano sull’e-commerce dei prodotti agricoli per combattere gli effetti della pandemia che manda in fumo le abituali 350 mila presenze delle vacanze pasquali. Il tradizionale appuntamento che apre la stagione del turismo verde, infatti, anche quest’anno è bloccato dall’emergenze Covid-19.
Tra i prodotti più venduti online nell’imminenza del lungo weekend festivo, fa sapere Cia, si sono formaggi, salumi, olio, conserve e legumi, oltre a tutte le tipologie di farine per realizzare in casa le ricette per il pranzo di Pasqua. I titolari delle aziende stanno approfittando dell’esplosione del Food and grocery sul web per potenziare le loro vendite online. Solo nel 2020 si è registrato un aumento del 55% sull’anno precedente, con un business complessivo di 2,5 miliardi.
Le aziende agrituristiche se durante la pandemia in molte hanno reagito con la consegna a domicilio, l’e-commerce ora è in grado di offrire opportunità maggiori, facendo viaggiare l’agroalimentare ben oltre il Km 0.  Con questo obiettivo è nata la piattaforma dalcampoallatavola.it, primo e-commerce che vede protagonisti gli agricoltori italiani su tutto il territorio nazionale. Grazie al sostegno filantropico di J.P. Morgan, Cia ha voluto mettere a disposizione delle imprese uno strumento agile, intuitivo ed efficace per dare un forte impulso al mercato del food online. Nel 2021 si prevede, infatti, un trend del +62%, mentre una survey sul target 18-65 rivela che il 95% incrementerà lo shopping di cibo su web.

News Correlate