TESTMSL

Gli operatori del turismo all’aria aperta scendono in campo per rilancio del comparto

Avviare un dialogo operativo fra le associazioni dei costruttori e dei rivenditori di veicoli ricreazionali e quelle che rappresentano le strutture ricettive all’aria aperta, individuando una serie di punti condivisi e di azioni concrete per il rilancio di un settore che, con l’avvicinarsi della Fase 3, ha tutte le carte in regola per dimostrarsi una delle forme di turismo più sostenibili, ecocompatibili e in linea con le nuove esigenze di sicurezza e distanziamento sociale imposte dall’emergenza coronavirus.

É l’obiettivo dell’incontro indetto dalla rivista PleinAir e da PleinairClub che si è svolto in modalità virtuale il 19 maggio 2020 con la partecipazione di Simone Niccolai, presidente di APC-Associazione Produttori Caravan e Camper; Vittorio Dall’Aglio, presidente di Assocamp; Monica Saielli, presidente di Assocamping Confesercenti; Maurizio Vianello, presidente di FAITA-FederCamping. Moderavano l’incontro Michela Bagatella e Marco Sances, coordinatori delle redazioni di PleinAir e PleinAir Market.

“Il camper rappresenta oggi più che mai uno straordinario strumento per andare in vacanza – afferma Simone Niccolai – È il momento che si comprenda che il turismo all’aria aperta è un turismo di serie A, praticato da viaggiatori con un’elevata sensibilità verso i temi della sostenibilità e della salvaguardia ambientale”.

Dal confronto fra le realtà associative intervenute è emersa l’importanza – e l’urgenza – di ricreare un dialogo virtuoso fra il veicolo abitativo e le strutture ricettive che lo accolgono sin dalle sue origini. “È importante instaurare un rapporto più solido fra il settore commerciale e il mondo dei campeggi, le strutture più indicate per rispondere alle nuove esigenze di igiene, ma anche di sicurezza, del viaggiatore in libertà”, sostiene Vittorio Dall’Aglio.

“Non è più accettabile la scarsa conoscenza delle istituzioni sul mondo e sulle esigenze del nostro settore – Monica Saielli – Inizialmente i provvedimenti a favore del turismo, come il bonus vacanze e l’esenzione dell’IMU erano stati previsti unicamente per il settore alberghiero, e solo quando siamo intervenuti sono stati estesi anche alle altre tipologie ricettive. Per questo è importante fare sentire con forza ancora maggiore la nostra voce”.

“È opportuno trovare un linguaggio comune che ci permetta di rappresentare le istanze del settore nelle diverse sfaccettature con una visione unitaria, per intercettare l’attenzione delle istituzioni e delle amministrazioni. Il nostro rapporto si deve svolgere su due livelli: quello con le istituzioni, cui rivolgere le nostre istanze, quello con gli utenti, da rassicurare ed educare a una vacanza sempre più sicura e consapevole”, aggiunge Maurizio Vianello.

News Correlate