giovedì, 24 Settembre 2020

Stretta sui contratti a termine? Palmucci teme ripercussioni sulle aziende alberghiere

“Siamo preoccupati, alla luce delle informazioni fin qui raccolte, in merito alla stretta sui contratti a termine che potrebbe colpire in modo indiscriminato anche le imprese alberghiere”.  Lo ha detto Giorgio Palmucci, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

“Il nostro settore – ha spiegato – è caratterizzato da un ricorso fisiologico ai contratti a termine la cui penalizzazione si tradurrebbe quindi in un ulteriore aumento dei costi. Pericoloso in un contesto fortemente competitivo in cui l’Italia si confronta con destinazioni internazionali ed anche rispetto agli obiettivi di destagionalizzazione che il nostro paese persegue. Sono molte le imprese che, anche a costo di importanti sacrifici, hanno scelto di adottare l’apertura annuale proprio con l’obiettivo di favorire la destagionalizzazione e di far vivere le nostre destinazioni tutto l’anno. Una scelta capace di portare ricadute importanti sul territorio in termini economico ed occupazionali, ma che rischia di divenire insostenibile se ulteriormente gravata di costi. L’auspicio – ha concluso Palmucci – è che ci sia un intervento già in questa fase per evitare conseguenze che potrebbero condizionare il settore”.

News Correlate