venerdì, 14 Maggio 2021

Con Mirabilia in vetrina a Mosca 9 città dell’Italia ‘minore’

Il progetto che valorizza i siti minori Unesco debutta nell’ambito dell’Anno Incrociato del Turismo

L'Italia non è più solo Venezia, Forte dei Marmi e via Montenapoleone. A Mosca arriva il progetto Mirabilia per lanciare sul mercato turistico russo 9 dei suoi siti Unesco meno noti universalmente, nell'ambito dell'Anno Incrociato del Turismo Italia-Russia. Un debutto all'estero in grande stile per Mirabilia visto che il progetto è stato presentato per la prima volta all'estero proprio in Russia, a Villa Berg, residenza dell'Ambasciata d'Italia. In vetrina, promosse dalle relative Camere di Commercio, ci sono Brindisi, Genova, L'Aquila, La Spezia, Matera, Perugia, Salerno, Udine e Vicenza, e i loro territori circostanti.
Obiettivo, ha spiegato l'ambasciatore italiano a Mosca Cesare Maria Ragaglini, "è far crescere la popolarità di questi siti, ma in maniera integrata", unendo nell'offerta turistica patrimonio culturale e naturalistico. E "aumentando la capacità ricettiva e i servizi di alto livello ai turisti". Alla base c'è l'interesse sempre crescente per il nostro Paese da parte dei turisti russi, che quest'anno ha visto un record nel rilascio dei visti. "Speriamo che il giorno in cui saranno aboliti i visti con la Russia arrivi presto, l'Italia è a favore", ha auspicato Ragaglini.
Durante la serata, Domenico di Salvo, direttore di Enit Mosca, ha spiegato che "la promozione della cosiddetta 'Italia minore' anche nelle regioni russe sarà al centro della nostra comunicazione per quest'anno".    

News Correlate