mercoledì, 8 aprile 2020

3 saloni in 1 sul turismo open air

Celli, presidente Enit, ha inaugarato ieri a Rimini Fiera laedizione di SUN

E' stato Pier Luigi Celli, presidente Enit, a tagliare il nastro della 31esima edizione di SUN, il Salone Internazionale dell'Esterno, protagonista fino a martedì 8 ottobre a Rimini Fiera. Oltre 600 gli espositori e 25.000 i visitatori previsti, con una netta crescita di quelli internazionali, oltre mille, il 30% in più. E 500 gli incontri d'affari già fissati con le aziende presenti.
"C'è una fascia di turisti che tende a voler risparmiare, a voler ridurre i costi e sceglie questo tipo di svago", ha sottolineato Celli, secondo il quale Sun "è un contributo a capire dove sta andando l'offerta di questo settore" ed è "la fiera di riferimento di Italia e tra le più importanti a livello europeo".
Alla cerimonia d'inaugurazione ha fatto seguito la conferenza d'apertura su "Le tendenze in atto e le prospettive di sviluppo del turismo all'aria aperta nel nostro Paese".
"Bellezza è una parola chiave per il nostro Paese – ha sottolineato il sindaco di Rimini Andrea Gnassi – Ma questa bellezza ha bisogno di essere liberata: oggi è avvolta in contesti urbani, imbrigliata da territori in cui si è pensato più alla rendita immobiliare che alla rendita delle imprese legate al patrimonio naturale e culturale dell'Italia. Serve una politica industriale che riconosca al turismo l'importanza che è stata data ad altri settori".
Sul concetto di bellezza si è soffermato anche Fabio Porinelli, presidente dell'associazione Mondo del Campeggio: "La natura ci ha dato tutto – ha detto – ma noi siamo riusciti a distruggere molto. La politica deve decidere se ritiene importante il turismo per lo sviluppo dell'Italia nei prossimi 10 anni: al turismo servono strade, porti, aeroporti. Questo evento può essere l'occasione per presentare a chi governa un vero piano del turismo".
Articolato l'intervento di Pier Luigi Celli, presidente Enit. "Tutti dicono che il nostro territorio è il nostro patrimonio più grande – ha argomentato – ma il problema è che ognuno si concentra sul proprio territorio, indipendentemente dagli altri. Invece serve una visione integrata: questo Paese si salva o si perde tutto intero". Per Celli, inoltre, "è fondamentale segmentare la popolazione turistica: il turismo all'aria aperta, ad esempio, è particolarmente interessante per i viaggiatori che vogliono risparmiare, e in particolare per i giovani, meno legati al turismo istituzionale".
In contemporanea, a Rimini Fiera, si svolgono GIOSUN, 28° Salone Internazionale del giocattolo e dei giochi all'aria aperta e la 5° edizione di CAMPING & VILLAGE SHOW, il più grande e importante appuntamento italiano B2B per campeggi e villaggi turistici, organizzato in collaborazione con l'Associazione Mondo del Campeggio.

News Correlate