martedì, 24 Novembre 2020

Alitalia, Leogrande: vendite biglietti -97%, obiettivo newco da 1 giugno

“Marzo ha prodotto il crollo verticale delle vendite” di Alitalia registrando un -76,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che è proseguito ad aprile con un -97%”. Lo ha detto il commissario straordinario di Alitalia, Giuseppe Leogrande, in un’audizione in videoconferenza alla Commissione Trasporti della Camera sulla situazione economico-finanziaria e sulle prospettive della compagnia a seguito dell’emergenza da coronavirus. Leogrande ha sottolineato che ciò è stato dovuto al Covid-19 e all’avvio del lockdown in Italia e che tuttavia febbraio si è concluso “con un leggero calo del fatturato dell’1,9%”, con ricavi scesi a 145,61 milioni di euro da 148,44 milioni dello stesso mese dell’anno scorso. A marzo invece inizia il crollo, i ricavi “sono risultati pari a 43,95 milioni di euro contro i 186,73 milioni” dello stesso mese del 2019 con una contrazione del 76,5%. Ad aprile arriva il peggio: le vendite precipitano del 97% con ricavi “neanche per 5 milioni a fronte dei 160 dell’anno precedente”. Inoltre, Alitalia ha dovuto restituire oltre 70 milioni di biglietti che erano stati venduti ed incassati per la mancata operatività dei voli. Leogrande ha poi spiegato che al momento Alitalia opera 30 aerei al giorno per 6 ore di volo e con un solo volo intercontinentale. “Il network dipenderà dalla progressiva apertura dei mercati”, ha sottolineato il commissario straordinario.

Quindi Leogrande ha parlato del futuro:  l’obiettivo “molto ambizioso” di partenza della newco pubblica per la nuova Alitalia sarebbe il primo giugno, anche se “gli adempimenti sono tanti”. La nuova compagnia partirà con due newco, dove “una prenderà in affitto il ramo CityLiner (la compagnia regionale) e una prenderà in affitto il ramo di Alitalia”, ha precisato Leogrande. Inoltre, la newco pubblica di Alitalia avrà una flotta di 92 aerei. Infine, Leogrande ha anticipato che la cassa integrazione riguarda 6.607 unità in Alitalia e 221 per City Liner, aggiungendo: “speriamo nei prossimi giorni di firmare la Ministero del Lavoro”.

News Correlate