domenica, 13 Giugno 2021

Poche prenotazioni per l’estate, allarme dei sindacati Alitalia

“Che ci sia un problema Alitalia è un evergreen ma spero che sia la volta buona, che si trovi una soluzione definitiva”. Il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, interviene sull’intricato dossier Alitalia, che da settimane è tema di confronto tra il governo Draghi e la Commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager. “E’ importante avere una compagnia di bandiera per il turismo, è chiaro che l’operazione deve essere sostenibile da un punto di vista industriale”, spiega Garavaglia, e “confidando nella testardaggine e nella capacità dell’amico e collega ministro Giancarlo Giorgetti, penso che ce la facciamo”, scandisce il titolare del nuovo ministero del Turismo.

Intanto i sindacati lanciano un allarme sui “dati poco confortanti sulle prenotazioni” per la stagione estiva di Alitalia, dopo il confronto  con l’amministratore delegato di Ita, Fabio Lazzerini, e i commissari straordinari della ex compagnia di bandiera, avvenuto nel giorno del 74esimo compleanno di Alitalia e celebrato anche da una manifestazione spontanea di dipendenti a Piazza del Popolo, a Roma. Secondo quanto ha spiegato Lazzerini nelle sue ultime audizioni parlamentari, uno degli obiettivi nella strategia della newco per accelerare la transizione da Alitalia è quello di entrare subito nella parte commerciale e quindi sulla vendita dei biglietti per “cogliere la ripresa estiva”. E in quest’ottica la Fnta, federazione che raggruppa Anpac, Anpav e Anp, ha chiesto una “maggiore collaborazione e coordinamento” tra Alitalia e Ita per non favorire la concorrenza, in particolare le low cost che si stanno muovendo in modo molto aggressivo sul mercato italiano.  Per Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, è stato “importante aver finalmente riunito i commissari straordinari, i vertici Ita e le organizzazioni sindacali per ragionare sul futuro della compagnia di bandiera”. Nuovi confronti ci saranno i prossimi 20 e 26 maggio.

News Correlate