mercoledì, 21 Aprile 2021

Al Cairo consiglio direttivo dell’Ibod di Site

Ruffini: decisioni su viaggi incentive prese sempre più spesso all’ultimo momento

Il 10 febbraio, presso il Marriott Hotel & Casino del Cairo, si è riunito l’Ibod (International board of directors) di Site. Per l’occasione sono state decise e impostate le politiche di Site per i prossimi anni. L’italiana Annamaria Ruffini CMP, President & Ceo dell’agenzia Events In & Out e past president del Capitolo italiano di Site, ha debuttato nell’Ibod, ove è stata eletta per il triennio 2013-2015, presentando un ricco programma di iniziative che riguardano l’Ue.
Il giorno successivo si è tenuto il Site Executive Summit 2013, incontro tra l’Ibod e gli operatori dei mercati locali. Presente il ministro del Turismo egiziano Hisham Zaazou, che ha aperto l’evento con una conferenza stampa.
“Nella mia presentazione alla platea di operatori locali – spiega Annamaria Ruffini – sono partita dai dati macroeconomici, da cui emerge che le decisioni sui viaggi incentive sono prese sempre più spesso all’ultimo momento. Non solo: il raggio dei viaggi s’è sensibilmente accorciato e i budget, per la prima volta dopo due anni di stabilità, hanno ripreso a scendere, sia pure di poco. Almeno per tutto il 2013 il trend sarà ancora questo, anche perché le soluzioni che i Paesi della Ue hanno adottato finora non hanno prodotto esiti significativi. Al Cairo ho fatto presente che le prime 5 mete incentive preferite dalle aziende europee sono tutte in Europa: Spagna, Germania, Francia, Italia e Austria. Sarà pertanto necessario impegnarci a fondo per ottenere dalle nostre istituzioni sovranazionali politiche che incentivino i viaggi di motivazione, con il duplice obiettivo di incrementarne la frequenza ed estendere il numero (e il raggio) delle mete preferite”.

News Correlate