domenica, 19 Maggio 2024

Costa e Msc investono su sostenibilità ma nessun porto italiano è pronto

“Il primo traguardo a cui guardiamo nell’ambito del nostro percorso verso la sostenibilità è la realizzazione degli investimenti necessari per l’utilizzo dei sistemi di elettrificazione a terra e lo spegnimento dei motori in porto”. Lo ha detto Mario Zanetti, DG di Costa Crociere all’incontro ‘Crociere sostenibili e finanza green’ organizzato a Roma da Clia in collaborazione con Sace. Le navi sono già attrezzate, ma i porti no.

“Oltre il 70% delle navi da crociera esistenti, e il 98% di quelle in costruzione – evidenzia Gianni Onorato, ceo di Msc cruises – ha la possibilità di attaccarsi alla corrente in banchina, funzionando così a emissioni zero nei porti. Ma nessun porto italiano è al momento attrezzato per offrire questa opportunità. Come Gruppo Msc – aggiunge – abbiamo in costruzione due navi da crociera alimentate ad idrogeno, che entreranno in servizio nel 2027 e nel 2028, ma questo tipo di carburante non è disponibile da nessuna parte al mondo e anche per rifornire le navi alimentate a gas naturale liquefatto non esistono attualmente depositi nei porti italiani. Questo dimostra che l’industria crocieristica ha non solo già fatto moltissimo, finora, da sola, ma sta viaggiando a una velocità superiore ed è molto più avanti rispetto alle infrastrutture”.

Per sanare il divario Onorato invoca l’istituzione di “una regia nazionale e un tavolo di confronto, che interloquiscano anche a livello europeo, ascoltando la voce dell’industria crocieristica per programmare i futuri investimenti in ricerca e infrastrutture, che andranno decisi in maniera coordinata tra pubblico e privato, stabilendo chiare priorità e definendo standard tecnologici”.

News Correlate