Ncl cresce ancora, prenotazioni in rialzo

Norwegian Cruise Line Holdings Ltd. ha comunicato i risultati del trimestre conclusosi il 30 giugno 2015, fornendo anche le previsioni per il III trimestre e per l’intero esercizio 2015.

Aspetti salienti del II trimestre 2015 sono i miglioramenti dell’utile rettificato per azione del 29,3% a 0,75 dollari su un utile netto rettificato di 171,6 milioni di dollari; incremento del Net Yield rettificato su base aziendale combinata dell’1,5% o del 3,2% su base di valuta costante, spinto dall’aumento delle tariffe nel trimestre. Aumento del 18,2% su base riportata; i continui sforzi di identificazione delle sinergie dall’integrazione di Norwegian e Prestige portano a sinergie di 75 milioni di dollari nel 2015 e di 125 milioni di dollari nel 2016 al netto del reinvestimento.

“I benefici della combinazione di Norwegian e Prestige stanno cominciando a dare i loro frutti, dando esito a una forte crescita dei guadagni nel trimestre – ha affermato Frank Del Rio, presidente e ceo di Ncl – Molte delle nuove strategie stanno fornendo una sempre maggiore forza trainante, dall’elaborazione della strategia del go to market di Prestige alle prassi di fissazione dei prezzi e di commercializzazione del marchio Norwegian, alla politica di offrire maggiore valore aggiunto ai nostri clienti piuttosto che concedere sconti, abbinata alla leva esercitata dalle dimensioni della Società per incrementare al massimo le efficienze”.

La società ha realizzato un utile netto rettificato di 171,6 milioni di dollari o 0,75 dollari per azione. L’utile rettificato per azione è aumentato del 29,3% rispetto all’esercizio precedente. Su base GAAP l’utile netto è stato di 158,5 milioni di dollari o 0,69 dollari per azione rispetto ai 111,6 milioni di dollari o 0,54 dollari per azione dell’anno precedente.

Il Net Yield rettificato è migliorato del 18,2% (20,2% su base di valuta costante) principalmente grazie all’acquisizione dei marchi Oceania Cruises e Regent Seven Seas Cruises avvenuta nel quarto trimestre del 2014.

“Il forte clima di prenotazioni che ha preso forma con la stagione 2015 è proseguito nel II e III trimestre con volumi in continua crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Guardando al 2016, la ripresa della domanda per i Caraibi, in combinazione con il clima di forti prenotazioni, ha portato a un 30% in più dei ricavi sulle prenotazioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un aumento della capacità dell’11% circa. Sulla base dei risultati positivi del primo semestre dell’anno, intendiamo innalzare la media delle nostre linee guida sugli utili 2015 per l’anno intero – ha detto Wendy Beck, vicepresidente esecutivo e CFO di Ncl – Nelle prime fasi del ciclo di prenotazioni per il 2016, invece, abbiamo notato una forte domanda per tutti e tre i marchi”.

News Correlate