venerdì, 23 Luglio 2021

Altra tegola su Boeing: ora nel mirino c’è il 737 Next Generation

Ancora guai per Boeing. Il costruttore di aeromobili americano ha scoperto delle crepe in una parte vitale dei suoi aerei Boeing 737 Next Generation, secondo quanto riportato da KOMO News.

Il sito it.businessinsider.com spiega che il pezzo dell’aeromobile in questione, noto come pickle fork, forchettone, aiuta a collegare il corpo dell’aereo alle sue ali. I forchettoni sono progettati per durare per tutta la vita dell’aereo, che di solito è di circa 90.000 o più decolli e atterraggi, secondo la pubblicazione. Ma in un caso, Boeing ha trovato forchettoni crepati in un aereo che aveva registrato solo 35.000 decolli e atterraggi, secondo KOMO. Secondo una dichiarazione condivisa con Business Insider, la Federal Aviation Administration ha ordinato agli operatori di aerei 737 NG di ispezionare l’aeromobile per individuare crepe strutturali.

Boeing ha riferito il problema alla FAA dopo aver scoperto le crepe durante la modifica di un “aereo pesantemente usato”, secondo la dichiarazione. La compagnia ha dichiarato di aver trovato simili crepe anche in un numero limitato di altri aerei.

Boeing ha detto in una dichiarazione di aver informato gli operatori del problema e che gli aerei con crepe “stavano subendo modifiche”. Non sono stati segnalati problemi in servizio, ha affermato la società.

Il sito web di Boeing elenca oltre 100 compagnie aeree come clienti di aerei 737 NG, tra cui  Ryanair, KLN, American Airlines, Delta Airlines, EgyptAir e Southwest Airlines. I modelli 737 NG includono velivoli 737-700, 737-800 e 737-900. Ma non il 737 Max, lasciato a terra a marzo scorso dopo due incidenti aerei mortali.

 

News Correlate