giovedì, 24 Settembre 2020

Bandiere a mezza asta nei comuni costieri contro Bolkestein

La proposta dell’Anci per risvegliare l’attenzione sul problema dei balneari

Bandiere a mezza asta venerdì 3 agosto, dalle 9.30 alle 13.30, in tutti comuni costieri per protestare contro la direttiva Bolkestein. La proposta è di Luciano Monticelli, sindaco di Pineto (Teramo) e delegato nazionale Anci per il Demanio Marittimo che ha invitato tutti i sindaci delle città costiere ad esporre a mezz'asta la bandiera comunale e quella di salvamento come gesto simbolico che interpreta le aspettative delle comunità locali che, attraverso il turismo costiero, contribuiscono in modo determinante allo sviluppo economico e sociale del Paese.  
L'iniziativa "mira a risvegliare l'attenzione del Governo – viene sottolineato – finora indifferente di fronte alle ripetute richieste da parte del delegato dell'Anci, supportato dalle Regioni e dall'Upi, di avviare un Tavolo tra Regioni, Province e Comuni per un confronto proficuo con l'esecutivo per quanto riguarda le problematiche sollevate dalla direttiva Bolkestein".
"Purtroppo – spiega Monticelli – non abbiamo mai ricevuto alcun riscontro, mentre la condizione dei balneari italiani diventa sempre più a rischio. Necessitiamo di un confronto, perché anche i gradini più alti delle istituzioni possano essere messi a conoscenza di quelle che sono le reali esigenze dei balneari e delle città costiere. Parliamo di uno degli aspetti fondamentali allo sviluppo dell'economia di un paese come il nostro e, proprio per questo, sono convinto che nessuna decisione possa essere presa senza ponderare attentamente anche le istanze degli operatori. L'auspicio – conclude – è che le bandiere a mezz'asta risveglino l'opinione pubblica e accendano le luci su una problematica finora troppo sottovalutata".

 

News Correlate