giovedì, 24 Settembre 2020

Concessioni demaniali, balneari apprezzano impegno Emilia Romagna

Sotto la sede della Regione hanno manifestato 3 mila bagnini

Parzialmente positivo: questo il giudizio delle associazioni di categoria degli imprenditori balneari che ieri si sono date appuntamento a Bologna, sotto la sede della Regione Emilia Romagna, per manifestare contro le aste previste dalla Comunità Europea a partire dal 2016.
In tutto erano oltre 3 mila i bagnini provenienti da tutte le regioni italiane con indosso la maglietta rossa del salvataggio accompagnati da pattini, ombrelloni, fischietti, e bandiere che hanno aderito alla manifestazione organizzata da SIB – Confcommercio, FIBA – Confesercenti, CNA – Balneatori e Assobalneari Italia – Confindustria.
"E' importante che la Regione Emilia Romagna – si legge in una nota – in quanto espressione della Conferenza Stato-Regioni, abbia garantito l'impegno a discutere e a dare l'intesa in merito allo schema di decreto del Governo per la categoria, fino a che non siano state approfondite le tematiche proposte dalla legge spagnola sul demanio, che, peraltro sono assolutamente corrispondenti agli emendamenti attualmente in discussione alla X Commissione del Senato. Sui contenuti degli emendamenti l'assessore al Turismo della Regione Emilia Romagna Maurizio Melucci si è, poi, riservato di fare ulteriori approfondimenti entro il prossimo 22 novembre, data in cui si riunirà la Conferenza delle Regioni. In quella sede la Regione Emilia Romagna si attiverà per arrivare ad una soluzione condivisa".
Prosegue intanto lo stato di agitazione della categoria che sta già organizzando una serie di manifestazioni che si svolgeranno nei capoluoghi delle principali regioni italiane.

News Correlate