venerdì, 25 Giugno 2021

Italia pronta per green pass ma Regioni chiedono chiarezza

Dal primo luglio nell’Unione sarà attivo il green pass. E’ arrivato l’atteso ok dell’Europarlamento al certificato digitale Covid, che darà accesso a viaggi, cerimonie, eventi e tante altre attività. Ma sul documento – presto rilasciato gratuitamente dalle autorità nazionali in formato digitale o cartaceo con un codice Qr – restano ancora timori e questioni aperte. L’Italia è pronta: “questione di pochissimi giorni “, annuncia il commissario per l’Emergenza, Francesco Figliuolo, ma le Regioni chiedono “chiarezza sull’applicabilità” del lasciapassare e anche la Lega ne chiede l’utilizzo “per togliere i divieti nelle zone bianche”, mentre dall’opposizione, Giorgia Meloni, avverte: “questo strumento non può e non deve rientrare nella normalità delle cose” e non dovrà essere “un metodo per ricattare i cittadini”.

In generale il documento, compatibile in tutta l’Ue e con un sistema in vigore per 12 mesi, attesterà che una persona è stata vaccinata contro il virus oppure ha effettuato un test recente con esito negativo o ancora che è guarita dall’infezione. Dunque, si tratta di tre certificati distinti. Secondo la norma approvata, gli Stati dell’Unione non potranno imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di certificati – come quarantena, autoisolamento o test – “a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica” e in quel caso si dovrà tenere conto delle prove scientifiche, “compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie”. I governatori ora si interrogano su come sarà interpretato l’utilizzo di questo certificato nel nostro Paese, dove il codice Qr potrà essere stampato in formato cartaceo o sarà visibile scaricando le app ‘Io’ oppure ‘Immuni’.

“Stiamo chiedendo di avere chiarezza sull’applicabilità – spiega Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni – perché ad oggi non c’è ancora il Green pass europeo e dobbiamo dare certezze a delle categorie, e penso ad esempio al wedding che è un settore già devastato dalla pandemia, e nello stesso tempo garantire tutta la sicurezza possibile”.

Esulta il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, per la quale si tratta di “uno strumento importante per incentivare la mobilità dei cittadini all’interno dell’Unione, una spinta propulsiva e decisiva per far ripartire il turismo, e con esso l’economia”.

Soddisfatto anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: “da luglio col Green Pass sarà possibile spostarsi in tutta l’Ue, sempre mantenendo alto il monitoraggio sulla salute delle persone. È un importante passo in avanti. Stiamo lavorando per rilanciare la stagione estiva in Italia. Riaprire bar e ristoranti, far ripartire le fiere. Far girare l’economia e accogliere turisti stranieri. Quindi azzeriamo le polemiche, uniamo le forze e agiamo in sinergia con le Regioni. Sempre più turisti stranieri potranno venire in Italia a trascorrere le vacanze, visitare le nostre città, acquistare nostri prodotti, e sarà possibile anche grazie al Green Pass”.

News Correlate