Le famiglie italiane tornano ad acquistare la casa vacanze

Anche se non si può certo parlare di ripresa conclamata, il mercato delle case vacanze è in lieve miglioramento ed emerge un certo ottimismo e soprattutto il clima di fiducia delle famiglie sembra migliorare. Emerge dall’Osservatorio Nazionale Turistico 2015 di Fimaa-Confcommercio con la collaborazione di Nomisma. Il primo segnale confortante è quello che riguarda la famiglia: rispetto al 2014 è quasi raddoppiata la percentuale (dal 6,6% al 12,2%) interessate all’acquisto di un’abitazione nel corso di quest’anno.

L’altro dato da sottolineare è un “effetto Grecia”: le ricerche di abitazioni per vacanza nell’Egeo da parte di stranieri sono cresciute in media del 60% e da parte degli italiani hanno avuto un balzo addirittura del 194%. L’Italia è preceduta solo dalla Russia (+244% nelle ricerche) e seguita da Francia (+156%) e Usa (+114%).

Rispetto al 2013, infatti, nel 2014 sono aumentate le transazioni registrate a livello complessivo (+3,2%), trainate in particolar modo dalle località marine, che hanno fatto segnare un aumento pari al 4,6%.

Nel 2015, il prezzo medio per l’acquisto di un’abitazione turistica in Italia è di 2.360 euro al metro quadrato commerciale con un trend dei prezzi di vendita delle case per vacanza in calo del 5%. Le regioni dove si è registrato il calo maggiore sono l’Abruzzo (-9%) e la Calabria (-7,5%), seguite da Basilicata, Marche e Molise, che registrano un -6%. La maggioranza delle regioni (9 su 20) ha fatto segnare una diminuzione dei prezzi in linea con quello medio nazionale (-5%). Solo l’Umbria presenta valori di compravendita pressoché analoghi a quelli del 2014 (-0,6%).

Nelle località marine, il calo maggiore dei prezzi medi di compravendita di appartamenti nel 2015 si registra in Abruzzo (-9,7%), mentre tra le località di montagna o lago la maggiore variazione negativa è in Calabria (-9,5%).
Pochissimi cambi nella classifica delle principali località turistiche per quanto riguarda i prezzi massimi di compravendita di appartamenti top o nuovi. Santa Margherita Ligure si conferma in cima con 14.500 euro a metro quadrato. Completano il podio come lo scorso anno Forte dei Marmi con 14.000 e Capri con 13.500. A seguire, le più rinomate località montane italiane: Madonna di Campiglio, Courmayeur e Cortina D’Ampezzo.

“Se nel 2014 il settore turistico del Belpaese – spiega Santino Taverna, presidente Nazionale Fimaa-Confcommercio – è stato retto quasi esclusivamente dalle presenze straniere, quest’anno si registra un ritorno di turisti italiani nelle località di mare, lago e montagna. Per alimentare nuovamente l’economia rimane indispensabile diminuire la pressione fiscale”.

News Correlate