lunedì, 6 Dicembre 2021

Unesco italiana contro Airbnb, Bernabè: fenomeno incontrollato

Unesco italiana contro Airbnb. A criticare “l’impatto del turismo effettuato con strumenti tecnologici”, a Firenze, è stato il presidente della Commissione italiana dell’organismo di tutela internazionale, Franco Bernabè.  “Airbnb o i servizi di bed and breakfast effettuati con strumenti tecnologici determinano pressione sulle città, comportano dei costi e dal punto di vista dei vantaggi le città ne ricavano benefici molto, molto limitati”, ha detto. Bernabè ha anche aggiunto che questo “fenomeno ha ormai assunto aspetti selvaggi, con impatti sul gettito erariale, sui condomini e anche con un impatto incontrollato sulla gestione dei rifiuti; c’è un problema rilevante di regolamentazione ed è opportuno occuparsene”.

Il presidente della commissione Unesco ha anche segnalato, dal punto di vista della tutela delle città, “il problema del commercio elettronico e dell’impatto che ha sul tessuto delle botteghe storiche”. “Le città non devono musealizzarsi – ha poi aggiunto – una città che si musealizza diventa una città morta, sottoposta a orde di turisti come vediamo adesso, che la trasformano in un parco a tema. Una città che si musealizza è una città dove non si fanno opere. E credo che anche da parte dell’Unesco che il problema della tutela e dalla salvaguardia non può essere scisso dal tema della crescita e della modernizzazione”. Al riguardo Bernabè ha citato “l’esempio virtuoso, che spero sia imitato da altre città, che è quello di Milano. Ricordo le polemiche di tanti anni fa per i progetti sul rinnovamento urbano e la modifica della skyline cittadina. Ma oggi l’alta velocità ha convogliato una parte importante dell’attività economica su Milano. E’ una città che ha beneficiato di interventi molto importanti di ristrutturazione e rilancio urbano”.

 

 

 

News Correlate