martedì, 20 Aprile 2021

Uscite in barca e nuotate vietate: richiederebbero spostamento non giustificato

Niente uscite in barca, anche in solitario, o immersioni subacquee o nuotate in tempi di Coronavirus perchè comporterebbe uno spostamento non giustificato da esigenze di lavoro, situazioni di necessità o esigenze di salute e quindi violerebbe il Dpcm. É quanto ha spiegato il ministero dei Trasporti ribadendolo anche a Capitanerie, circoli nautici e porti turistici.

“A livello diportistico tutte le attività sono vietate perché presuppongono uno spostamento che non rientra nei tre previsti dal Dpcm e quindi la violazione comporta l’applicazione dell’articolo 650 del Codice penale” spiegano alla Capitaneria di porto di Genova. Diverso se una persona vive in barca o se esce in barca per lavoro, come ad esempio i pescatori.

News Correlate