domenica, 1 Novembre 2020

Bonus da 600 per gli stagionali del turismo, click-day la settimana prossima

Un primo indennizzo pari a 600 euro per il mese di marzo, rivolto ad una platea di oltre 4,8 milioni tra partite Iva, lavoratori autonomi e stagionali, danneggiati dal coronavirus: per richiederlo, la prossima settimana potrebbe essere aperto un “click day” dall’Inps, in pratica una finestra entro la quale fare domanda attraverso il computer, con precedenza per chi arriva prima.

L’indennità da 600 euro è rivolta ai professionisti titolari di partita Iva e ai co.co.co. iscritti alla gestione separata, alla data del 23 febbraio scorso; agli artigiani e ai commercianti (autonomi); ai lavoratori stagionali del turismo e del settore agricolo, ai lavoratori dello spettacolo. La platea complessiva è di oltre 4.854.000 lavoratori, come sottolineato dal ministero del Lavoro. L’indennizzo non è tassabile e non è inteso come una tantum, per cui potrebbe essere rifinanziato per aprile, risorse permettendo. Quelle ora messe a disposizione per professionisti, autonomi e collaboratori sono intanto circa 3 miliardi di euro.  Viene erogato dall’Inps ed il pagamento potrebbe arrivare ad aprile.

Tra le altre misure previste dal provvedimento, anche la sospensione delle rate dei mutui sulla prima casa con il Fondo Gasperrini esteso a liberi professionisti e autonomi: stop che potrebbe riguardare oltre 230 mila partite Iva. Serve l’autocertificazione di un calo di oltre un terzo del fatturato a causa dell’emergenza.

Inoltre, per le imprese c’è la moratoria dei prestiti bancari alle Pmi, garantita dallo Stato, che potrebbe congelare fino a 220 miliardi di finanziamenti, ovvero quasi il 50% del totale al settore pari a 480 miliardi, come indica la relazione tecnica.

News Correlate