Francia stanzia 18 miliardi per il turismo, sì alle vacanze a luglio-agosto

“Il turismo deve probabilmente far fronte alla peggiore prova della storia moderna, è tra i fiori all’occhiello dell’economia francese e il suo salvataggio è dunque una priorità nazionale”: lo ha detto il premier francese, Edouard Philippe, svelando un piano massiccio di rilancio del settore che rappresenta un “impegno da 18 miliardi di euro” per le finanze pubbliche della Francia.

Quindi il premier ha anticipato che “i francesi potranno partire in vacanza in Francia nel mese di luglio e nel mese di agosto”, avvertendo tuttavia sulla “possibilità di restrizioni molto localizzate” in funzione dell’evoluzione dell’epidemia da Covid-19. “I francesi possono procedere alle loro prenotazioni”, ha proseguito, sottolineando che “gli attori del turismo, gli albergatori, si sono impegnati a fare in modo che i villeggianti siano totalmente rimborsati nell’ipotesi in cui l’evoluzione dell’epidemia non rendesse possibile la partenza”.

News Correlate