lunedì, 21 Giugno 2021

Cuba soffre ancora per il Covid, restrizioni e controlli per i turisti

Cuba sta vivendo “uno dei momenti peggiori” della pandemia di Covid-19, per la quale sono stati registrati nelle ultime 24 ore 13 morti e 1.185 nuovi casi. A riferirlo le stesse autorità dell’Isola.
“Stiamo affrontando uno dei peggiori momenti della trasmissione della malattia”, ha affermato Francisco Durán, direttore nazionale di Epidemiologia del ministero. In totale, Cuba ha registrato finora 150.103 contagi di coronavirus con 1.025 morti. Il mese di giugno ha registrato nei suoi primi cinque giorni 6.780 infezioni e 60 decessi, cifre considerate elevate dalle autorità ufficiali. La diffusione del virus è alta nell’ovest dell’isola, dove L’Avana è in testa per i contagi delle ultime 24 ore, con 399 positivi.
Il governo ha decretato da sabato scorso, tra le altre misure, un aumento della quarantena per i cubani che tornano da viaggi all’estero attraverso aeroporti in importanti destinazioni turistiche. Oggi, il ministero del Turismo ha pubblicato i protocolli sanitari per i turisti che arrivano con viaggi organizzati o individualmente.    Per entrambe le categorie, i viaggiatori devono avere un esito negativo del test diagnostico Rt-Pcr Covid-19, effettuato 72 ore prima del viaggio, debitamente certificato dai laboratori. Inoltre, devono avere una polizza assicurativa che copra Covid-19. In ogni casi, i turisti saranno sottoposti a test Rt-Pcr al loro arrivo a Cuba, e il risultato sarà pronto entro 24 ore. Il ministero ha chiarito che la mascherina è obbligatoria nel Paese e nelle aree comuni degli hotel. I turisti che arrivano individualmente dovranno passare una quarantena di 6 notti e 7 giorni, ad eccezione di coloro che arrivano agli aeroporti dell’Avana e di Santiago, che resteranno in isolamento per un periodo di 5 notti e 6 giorni.

News Correlate