lunedì, 17 Gennaio 2022

Ecco le nuove regole per poter viaggiare negli USA, l’obiettivo è contenere i contagi COVID

A partire dall’8 dicembre, sono entrate in vigore nuove regole per l’ingresso negli Stati Uniti per contenere i contagi da COVID-19, a seguito della scoperta del paziente zero americano che ha contratto la nuova variante Omicron.
Oltre ai requisiti già previsti dall’8 novembre – Esta valido e certificazione vaccinale – tutti i viaggiatori con più di 2 anni che arrivano negli Stati Uniti, dovranno presentare all’imbarco un test Covid (antigenico o PCR) con esito negativo da effettuarsi entro le 24h prima della partenza del volo.
Per quanto riguarda i viaggiatori italiani quindi, dovranno effettuare il test entro 24h prima della partenza, sia che partano dall’Italia che da un qualsiasi altro paese europeo. Per chi invece ha contratto il Covid di recente, sarà richiesto un certificato ufficiale del medico curante che attesti la guarigione negli ultimi 90 giorni prima della partenza.
Inoltre, tra le nuove misure in discussione, potrebbe essere reso obbligatorio un altro test nei 3-5 giorni successivi all’arrivo negli USA e potrebbe essere richiesto ai passeggeri (compresi quelli con cittadinanza americana) una quarantena di sette giorni, anche se i risultati dei test risultano negativi, pena multe e sanzioni.
Al momento rimane la forte raccomandazione di effettuare un tampone (molecolare o antigenico) tra il terzo e il quinto giorno dall’arrivo nel Paese.

News Correlate