Tunisia chiede test negativo per turisti in ingresso

In previsione dell’apertura dello spazio aereo e delle frontiere terrestri e marittime previsto per il prossimo 27 giugno, il governo tunisino ha annunciato che i turisti che hanno programmato una vacanza in Tunisia dovranno presentare obbligatoriamente i risultati negativi di un test Pcr effettuato entro e non oltre 72 ore prima dell’entrata sul territorio tunisino. Lo rende noto un comunicato della presidenza del governo di Tunisi precisando che ai turisti in entrata verrà misurata la temperatura e chiesto di compilare un questionario sanitario prima di lasciare il loro paese di origine. I turisti verranno trasportati in hotel convenzionati tramite autobus e secondo il protocollo sanitario previsto per garantire la loro protezione e quella del personale del settore.

“I gruppi di turisti così coordinati saranno poi autorizzati a recarsi in musei e siti archeologici”. Il governo sarà inoltre responsabile dell’esecuzione dei test Pcr per i turisti o i paesi di origine che ne facciano richiesta, a partire dal loro sesto giorno di permanenza in Tunisia.
Tunisia ‘Ready and Safe” è il nuovo slogan per promuovere il turismo tunisino per il 2020. Un video promozionale dall’omonimo titolo è stato realizzato dal ministero del Turismo e dell’Artigianato tunisino.

News Correlate