venerdì, 22 Ottobre 2021

Milano prende il volo e Malpensa diventa Hub

Fiumicino scelto dai vari partner di Alitalia come proprio Hub non ha mai funzionato, le cause sono molte. Da un’Alitalia ostaggio dei sindacati a scelte commerciale anacronistiche. E’ da Milano che l’Italia cerca il proprio rilancio nel settore del trasporto aereo passeggeri. E’ sempre stata Malpensa l’aeroporto roccaforte ideale per l’Italia; grazie al suo ottimo posizionamento nel Mitteleuropa e per il giro d’affari di Milano che attira, ogni anno, migliaia di uomini di affari.

La Qatar Airline acquista Meridiana ed è sulle ceneri della compagnia aerea sarda che il Qatar costruisce l’Air Italy. Nome che solo un “non italiano” avrebbe scelto, troppo anglofono e tanto distante dal più orecchiabile nome della compagnia di bandiera. Ma non sarà certo la poesia a salvare l’Alitalia.

Alitalia che da compagnia di bandiera non è riuscita a mantenere la leadership di primo vettore nazionale, cedendolo all’irlandese Ryanair. Ed allora forza Air Italy e la nuova proprietà che forte di un’ enorme patrimonializzazione entra nel mercato italiano investendo pochissimo. L’investimento iniziale per Meridiana è di 40 milioni contro una valutazione di 80 milioni. Ma sono le prospettive che contano, e questo in una città come Milano non sfugge; non ha alcuna importanza se il Qatar conquista l’Europa con ben poco, sono loro ad averci creduto, rischiato ed infine investito.

Il Qatar sogna di conquistare il mondo con Air Italy. Meridiana ha già ordinati 30 Boeing 787 Dreamliner ed è con questi velivoli che gli italiani potranno raggiungere destinazioni come Miami, New  York, Bangkok, Mumbai, Shanghai. Il servizio è paragonabile a quello offerto dalle dirette competitors della Qatar Airline: Ethiad ed Emirates. Poltrone dotate di schermo in un periodo in cui le altre compagnie cercano di offrire il wifi a prezzi competitivi per incentivare il fai da te tramite smartphone e palmari. In classe economica ottima selezioni di vino e piatti tipici italiani. Ed i prezzi? I prezzi saranno competitivi sul quadro internazionale. Si potrà raggiungere New York o Bangkok con meno di 500 euro incluso di spese aeroportuali.

Sarà concesso portare con sè un trolley ed uno zaino e non sarà necessario possedere i super zaini economici personalizzati con il nome della compagnia aerea per non incorrere in sovrattasse perché la propria borsa supera di 1 cm il limite consentito.

Insomma il viaggiatore sarà un cliente e non un “pollo” da spennare.

E mentre Alitalia combatte ogni giorno per sussidi dello Stato per scelte corrette negli anni 80 ma che oggi risultano del tutto sorpassate, la piccola Meridiana si trasforma in AirItaly e solcherà i cieli di tutto il mondo portando il nome del nostro Paese (seppur scritto in inglese) in tutti i maggiori aeroporti del mondo.

Aiuterà Milano a diventare una meta turistica attirando nuovi visitatori dalle Americhe e dall’Asia ingolositi dai prezzi molto bassi del biglietto aereo.

Marco Rigotti, vice presidente della Air Italy, dice che la compagnia punta su Milano.

Al vice presidente ci sentiamo di rispondere che anche Milano punta molto su questa ex piccola compagnia.

Ed allora partiamo con nostri trolley cabina personalizzati Alitalia ma prepariamoci a viaggiare (finalmente senza scali) con Air Italy.

News Correlate