martedì, 22 Settembre 2020

Gli scioperi colpiscono soprattutto chi viaggia in aereo, calo per i treni

Gli aerei, così come bus e metro, sono i mezzi di trasporto più colpiti dagli scioperi. Secondo quanto emerge dalla relazione annuale del Garante degli Scioperi presentata in Parlamento, nel 2017 sono aumentate le giornate di astensione nel trasporto pubblico locale e nel settore aereo mentre sono calate quelle nel comparto ferroviario.

Nel dettaglio, il trasporto aereo ha registrato 260 proclamazioni di sciopero, con un incremento della conflittualità pari a circa il 20% rispetto al 2016. Gli scioperi realmente effettuati nel corso dell’anno sono stati 159. “Le cause sono rinvenibili nella vertenza per il rinnovo del Ccnl, ovvero all’applicazione di contratti collettivi aziendali, oltre che a vertenze legate ad ipotesi di ristrutturazioni aziendali, e scadenze di appalti”, ha precisato il Garante.

In controtendenza, invece, l’andamento nel trasporto ferroviario, che ha visto una diminuzione degli scioperi pari al 50% rispetto al 2016. “L’attenuazione del conflitto è riconducibile al rinnovo del Ccnl nonché del contratto aziendale di Fs”, ha detto il Garante, sottolineando che “le grandi organizzazioni sindacali scioperano più raramente e a conclusione di grandi vertenze” mentre “i sindacati minori e meno rappresentativi in azienda” ricorrono “con frequenza eccessiva a scioperi, principalmente di autolegittimazione o di accreditamento, che quasi sempre raccolgono basse percentuali di adesione, ma hanno un effetto vulnerante sul servizio pubblico, analogo a quello procurato da grandi scioperi”.

News Correlate