venerdì, 28 Gennaio 2022

Aeroporti, Enna preme per uno scalo intercontinentale

Il Presidente della Provincia, Salerno, polemico con assessore Cascio

Dura presa di posizione del presidente della Provincia di Enna, Cataldo Salerno, che contesta la dichiarazione dell’assessore regionale ai Trasporti della Sicilia, Francesco Cascio, relativa al potenziamento dell’ aeroporto internazionale di Fontanarossa, a Catania, escludendo così dalla mappa dei progetti la possibilità di realizzare uno
scalo di vaste proporzioni in un territorio, già individuato, a cavallo tra le province di Catania ed Enna. ”Il miglioramento, peraltro tardivo, delle infrastrutture aeroportuali di Fontanarossa – spiega Salerno – destinate ai
servizi per i passeggeri non risolve i problemi del trasporto
aereo della Sicilia. Il vecchio aeroporto di Catania, seppure
modernizzato, ha comunque uno sviluppo inesorabilmente bloccato perché continuerà ad avere una sola pista e per di più inadeguata perché troppo corta”. ”Questo problema – prosegue Salerno – non si può risolvere con nessuna cascata di miliardi: semplicemente non c’è spazio”. Il presidente riconosce la rilevanza di Fontanarossa, nell’ambito dello scambio con i Paesi del Mediterraneo. ”Il polo aeroportuale di Catania rimane il punto di riferimento – dice – dell’ economia, del turismo e delle comunicazioni di oltre due terzi della Sicilia ed è il solo, in Italia, che possa aspirare a svolgere un ruolo-guida in vista dell’ apertura dell’ Area di libero scambio euro-mediterranea del 2010”. ”L’ aeroporto non è conforme, però – aggiunge – ai requisiti richiesti per uno scalo internazionale moderno”. ”Il solo modo non demagogico di guardare in prospettiva è quello di portare avanti, senza ulteriori indugi, il disegno dell’ aeroporto intercontinentale di Catania-Enna – conclude – leggermente decentrato rispetto all’ Etna ed all’ area di massima urbanizzazione metropolitana catanese”.

News Correlate