lunedì, 23 Novembre 2020

Enac/2, allarme europeo per la perdita di passeggeri

Nei prossimi anni il traffico aereo si sposterà verso il Medio Oriente

Le più grandi compagnie aeree europee rischiano di perdere terreno. E’ sempre più alto, infatti, il rischio di uno spostamento a breve del baricentro del traffico aereo dall’Europa centrale al Medio
Oriente. A riferire dell’allarme, emerso da una riunione svoltasi il 4 e 5 maggio scorsi a
Salisburgo tra gli operatori del settore e la Commissione europea, il direttore generale dell’Enac, Silvano Manera. Preoccupazione fondata, dice Manera, anche “alla luce delle previsioni di saturazione dei maggiori hub europei entro il 2010 e avvalorata dagli interventi già messi in atto da parte degli Emirati Arabi che puntano ad ampliare la capacità del grande hub di Dubai fino a 75 milioni di passeggeri”. Inoltre, le maggiori compagnie aeree mediorientali stanno riorganizzando la loro flotta con aeromobili di maggiore capacità, moltiplicata fino a 6 volte quella delle compagnie europee, mentre i costi dei servizi di controllo del traffico risultano più bassi sia in Asia (60%) che negli Usa (30%) rispetto alla media europea.

News Correlate